regredire

La cosa a cui ho impiegato più tempo ad abituarmi è l'odore.

Aprire la porta di camera la mattina ed essere assalito dall'odore pungente della pipì a letto capita a tutti i genitori. Se si trattasse di figli biologici però sarebbe un'odore simile al tuo o a cui comunque si può essere abituati da anni di convinvenza. Alla nona settimana direi finalmente di essermi abituato all'odore delle escrezioni di N&L. Mica pretendevate che emettessero solo profumo di borotalco?

Continuano i nostri appuntamenti settimanali con la terapeuta che l'altra sera ha confermato un mio sospetto. I problemi che N&L ci hanno dato nelle prime settimane si stanno facendo sempre meno frequenti, mentre se ne presentano di nuovi che prima nemmeno immaginavamo.

Quando Lapo è arrivato da noi era tranquillissimo, sembrava essersi adattato già alla prima settimana. Suo fratello invece inneggiava al martirio piuttosto che cedere a quello che gli chiedevamo. Poi Lapo ha iniziato una fase di autolesionismo da cui sta lentamente uscendo, trasformandola però in violenza nei nostri confronti. Calci, pugni, morsi, unghie conficcate nella pelle ogni volta che contrastiamo il suo volere di quasi quattr-enne. Noi dobbiamo essere serafici per aiutarlo ad esprimere la sua contraddizione in altro modo, ma quando si arriva al sesto pugno in faccia/calcio negli stinchi/morso nella giornata, devo allontarmi dalla stanza per riprendere fiato. Passa tutto, passerà anche questo.

Il tarlo che abbiamo in questo periodo però è la mancanza di appetito e la velocità con cui Lapo sta cambiando forma. Alla prima cena insieme durante le visite di introduzione, io e l'altro babbo rimanemmo sconcertati dal problema opposto: un tre-enne che mangiava come un uomo adulto. Col passare del tempo, via via Lapo ha iniziato a lasciare sempre più cose nel piatto e contemporaneamente disimparato a usare le posate. Le assistenti sociali ci rassicurano dicendoci che tutto questo fa parte della "regressione" a cui sono soggetti i bambini sottoposti ad un cambiamento. La terapeuta ci faceva anche notare che talvolta i bambini compensano carenza affettiva rimpinzandosi di cibo che vada ad assopire il dolore. Quando poi si spostano in una situazione di tranquillità e fiducia, l'esigenza del cibo viene meno e iniziano a comportarsi come ogni bambino quattr-enne e usano il cibo come arma di rivalsa nei confronti dei genitori.

Fatto sta che la pancia rotonda di cui era tanto orgoglioso quando è arrivato, piano piano sta diminuendo. Speriamo non se ne accorga troppo presto perchè al momento tutto quello che sogna di avere da grande  è una pancia grassa come quella del suo Dad (grazie!).

Fra sei giorni scade la decima settimana e potremo finalmente presentare domanda al giudice affinchè diventino nostri figli a tutti gli effetti legali. Per quanto la famiglia biologica sia ormai priva di ogni potere sul loro futuro, quello che potrebbero fare è ritardare le cose facendo ricorsi procedurali che non portano (quasi) mai a niente. Incrociate tutto.

Oggi mentre stiravo le magliette della divisa della scuola pensavo alle sentinelle. Sulla falsariga di quello che dice la Lorenza mi chiedevo se non ce ne fossero almeno un paio disponibili a venire a stare ritti come statue a far compagnia a Neri quando la notte non riesce dormire e a prestarmi stinco e avambraccio per accogliere il calcio o il morso di Lapo.

Ma con certa gente è meglio non ragionarci, tanto ti fa solo venire il palletico.

Commenti

Post più popolari