basghetti e pasagne

Eppure lo sapevamo. Come rimarcherebbe la capotreno fra Pisa Aereoporto e Firenze SMN a cui dopo un'ora e mezza di attesa, immobili nella campagna toscana, osai chiedere perché non ci riportavano indietro alla stazione passata da due minuti per farci proseguire fino a destinazione, anche con mezzi propri, "i treni indietro non possono andare, lo sanno anche i bambini!". E non è manco vero, befana incartapecorita.

Fatto è che con i bambini che hanno problemi di attaccamento non bisogna andare a parchi di intrattenimento, evitare viaggi ed in genere tutto quello che li può scombussolare. E' scritto su tutti i libri, te lo insegnano a tutti i corsi, "lo sanno anche i bambini" insomma. E noi splendidi splendenti, abbiamo deciso che ne sapevamo più di tutti e domenica scorsa ci siamo avventurati a Legoland. Organizzazione alla "Furio Zoccano" con partenza intelligente per evitare le code in ingresso, parcheggio prenotato, biglietti stampati a casa, pranzo al sacco per evitare code estenuanti ai ristoranti. Peste t'incolga, e te lo meriti.

A guardarli, Neri e Lapo sono bambini normalissimi. Poi però se ci parli per un po' ti accorgi che Neri cerca continuamente di condurre la conversazione e imporre a tutti quello che devono fare o che gioco devono giocare per farlo contento. Avere finalmente l'attenzione di due, quattro, sei adulti è come una droga per un cinque-enne, se pochi ti hanno considerato prima. Lapo invece preferisce dare sfocio a tutte le insicurezze scorticandosi ogni angolo della pelle cui riesce ad arrivare e a sollevare. Neri non può asciugarsi le mani nei bagni pubblici perché il rumore degli asciugatori è troppo forte e gli riporta alla mente ricordi ancora difficili da digerire. Lapo lunedì all'asilo ha visto un bambino che tirava un giocattolo ad un altro e non ha più parlato con nessuno fino a quando sono andato a riprenderlo. Il giorno dopo non voleva tornare all'asilo.

Forse per un attimo abbiamo voluto dimenticarlo e sperato di farli contenti, come gli altri bambini. Potevamo capirlo quando non volevano andare sulle giostre "robotiche" ma preferivano scivoli e castelli di legno "statici". Potevamo capirlo quando Neri ci ha urlato che non si sentiva sicuro sulle montagne russe, ma noi nulla. Lunedì silenzio stampa per Lapo, Neri mi fa chiamare in lacrime dalla segreteria venti minuti dopo che lo avevo lasciato a scuola perchè mi ero dimenticato di dargli un bacio prima che entrasse a scuola. Nel pomeriggio fa di tutto in classe. Situazione simile martedì e mercoledì, maestra con i capelli ritti. Alla fine ce lo siamo dovuto ammettere: l'abbiamo fatta grossa.

Oggi visita dell'assistente sociale. Io glielo avevo spiegato in tutti i modi che si agitano più del normale quando anche solo sentono l'odore di un'assistente sociale. E io per punirla l'ho abbandonata alla loro mercè per neanche dieci minuti. E' tornata da me sconvolta, speriamo questo non abbia un impatto sulla nostra domanda di adozione, ma che le sia servito per capire che meno la vedono, meglio stiamo tutti.
Poi le ho fatto una lavata di capo per tutto quello che non ha fatto nelle ultime quattro settimane, minacciando una lamentela formale per le carenze. Alla fine del meeting non solo rigava diritto l'assistente sociale, ma dovreste vedere N&L adesso!!

Nel frattempo continuiamo a insegnargli parole italiane. Ambarabà ciccì coccò è la numero uno in classifica, seguita da Cicale. La pronuncia è buona, considerando che hanno iniziato a sentire l'Italiano per la prima volta nemmeno due mesi fa. Polìzia, notare l'accento, è divertente, ma spaghetti e lasagne battono tutto: basghetti e pasagne! Dobbiamo trattenerci ogni volta per non offenderli, ma due risate la sera ce le facciamo.

Qualche sera fa, Neri mi ha raccontato un sogno che gli è piaciuto tanto. Facevamo una passeggiata lungo il fiume e a un certo punto diventavamo tutti piccoli piccoli, andavamo sotto al fiume e ci trasformavamo tutti e quattro in una famiglia di rane. Lui e Lapo i ranocchietti, Babbo era la rana-babbo-che-va-a-lavorare (working dad frog) mentre io "bits-and-bobs-dad-frog" che si traduce più o meno come "babbo rana di tutte le altre cose disordinate che rimangono" o "factotum", ma che comunque preferisco in Inglese.

bits and bobs dad frog









Commenti

Post più popolari