thank you for chocolate cake!

Ecco, ci siamo. Oggi alle 2 in punto suoneremo il campanello della famiglia affidataria di Neri e Lapo per incontrarli la prima volta.

Durante le ultime due settimane le frustrazioni non sono mancate. Fogli che non arrivavano, la scuola che si dimentica di invitarci alla riunione dei genitori (seguita da reprimenda del sottoscritto, non ci faranno mancare nemmeno alla riunione degli ex alunni). La relazione con le assistenti sociali richiede tutt'ora un equilibrio non comune: da un lato loro vogliono difendere la propria posizione, nel caso le cose andassero per il verso sbagliato, dall'altro pero' ci chiedono tutta la flessibilita' possibile.

Ultima settimana di lavoro per me, lunedi' durante il team meeting ho annunciato che me ne sarei andato, ma non per lavorare per altri. Gioia vera nei loro occhi alla notizia. Ho mantenuto un profilo basso fino alla fine perche' le dinamiche aziendali lo richiedevano, ma il supporto della mia azienda e' stato immediato, quindi adesso sono un babbo a tempo pieno per un anno e poi si vedra'.

Quando sono diventato il capo scout del gruppo di lupetti ho cambiato subito una cosa. A fine riunione invece che dire una preghiera cristiana degli inizi del '900 in cui quasi nessuno si riconosceva piu', a turno tenendosi per mano ciascuno di noi dice un "Grazie per" seguito da qualcosa per cui quella settimana sono grati al loro dio se lo hanno, a loro stessi o a tutti quanti. Non sta a me dirgli a chi si devono rivolgere. C'era un lupetto un po' rotondello e molto tenero che usci' con un "Grazie per la torta di cioccolata!".

Oggi a casa della famiglia affidataria ci sara' un barbeque, tanto per rompere un po' il ghiaccio. Ci hanno detto che a Lapo piace la torta di cioccolata, quindi io ho scelto la migliore ricetta della "cucina triestina" e gliel'ho fatta, nella speranza che stasera quando va a letto dica:

"Thank you for chocolate cake!".

Commenti

Post più popolari