#sapevatelo

E sicché domani è finalmente il gran giorno davanti alla commissione di valutazione. Hanno ricevuto e letto il nostro rapporto, hanno fatto tre domande aggiuntive a cui abbiamo risposto quando è venuta la nuova assistente sociale a conoscerci.

L'assistente sociale ha fatto una raccomandazione nel fascicolo che coincide con le nostre intenzioni. La commissione (il panel di esperti) domani valuterà se appoggiare la raccomandazione o farne una diversa. La capa delle adozioni è l'unica con voce in capitolo e dopo una decina di giorni ci faranno sapere. Detto questo, se assistente sociale e commissione sono d'accordo, non c'è motivo per cui la capa prenda una decisione diversa. Speriamo.


Dopodiché diventiamo ufficialmente genitori in cerca di adozione e ci può volere da un giorno a tre anni, abbiamo sentito di tutto. Realisticamente però si cade fra uno e nove mesi.

Insomma se va tutto bene per Natale siamo tutti insieme.

Tempo fa parlavo con un'amica che mi aveva appena detto che era incinta, di poche settimane. Ero molto sorpreso della scioltezza con cui me ne parlava, e le chiesi il motivo. Mi disse che la prima gravidanza era stata molto difficile, aveva rischiato di perdere il bambino in almeno un paio di occasioni. Durante le varie peripezie aveva incontrato una ginecologa che le era molto piaciuta. 

La ginecologa le aveva detto: "io consiglio vivamente a tutte di dirlo appena possibile, senza aspettare i tre mesi canonici. E' sempre possibile che una gravidanza non venga portata a termine e questo per una donna e' molto difficile anche per la carica di aspettative che si vengono a creare. Se una donna perde l'embrione/feto, ne risentirà emotivamente.

A quel punto le possibilità sono due: se non lo ha detto a nessuno, tutto ad un tratto le persone intorno a lei la vedranno buia, triste senza sapere da dove tutto questo possa venire. Se invece ne avrà parlato e tutto ad un tratto finisce tutto, chi e' intorno a lei potrà capire da dove questa tristezza venga, e fare il possibile per aiutarla".

Per lo stesso identico motivo, io e l'altro babbo ci siamo sforzati di raccontare a tutti della nostra ricerca di figli. Non è facile perché si creano delle aspettative che non sempre vengono incontrate, ma proprio per non ritrovarsi soli in momenti di difficoltà.
Sicché se domani non ci si sente sapete bene il perché.

Sapevatelo.

Commenti

Post più popolari