la grande corsa

Qualche giorno fa ho scambiato un po' di email con una coppia che abbiamo conosciuto al corso di preparazione, anche loro dello stesso sesso.

Gli ho raccontato che finalmente abbiamo una data definita per il nostro panel, sapendo che la loro assistente sociale (quella che speravo toccasse a noi!) aveva gia' programmato tutto alla loro prima seduta. Sempre che tutto vada bene, loro andranno un due/tre settimane prima di noi pero' hanno deciso di chiedere di ritardare fino a luglio del prossimo anno la prossima fase, ovvero quella della ricerca del bambino/a.

Ieri sera a una festa mi sono messo un po' parlare con dei carissimi amici, fra i piu' vicini che abbiamo. La mamma di uno dei due e' in citta' in questi giorni e non so come mai siamo finiti a parlare di adozione. Forse perche' e' l'unica cosa di cui parlo con un minimo di interesse ultimamente?
Ad ogni modo uno dei due raccontava che non vuole introdurre l'argomento con la madre perche' sa che tanto sarebbe deluso dalla sua risposta. Il mio consiglio e' stato di levarsi il pensiero al piu' presto, perche' tanto la reazione sara' quello che sara', quindi tanto meglio levarsi il dente subito e poter dedicare le proprie energie ad altri problemi.

Sono contento che anche loro stiano iniziando a pensare un po' piu' concretamente ad allargare la famiglia, cominiciano ad essere una buona massa critica intorno a noi!

Nel frattempo i lavori del tetto procedono a una lentezza esasperante. Vediamo come va questa settimana, dopodiche' dovro' mettere un po' di pressione sul tipo che manda avanti la cosa perche' noi per meta' dicembre abbiamo decisamente bisogno che sia tutto finito. Ce l'aveva detto l'assistente sociale che non ci avrebbe portato a panel se la situazione in casa non fosse stata tranquilla, quindi i lavori devono finire presto.

So che non e' una gara, ma ultimamente parlare con altri mi ricorda tanto il cartone animato di Hanna-Barbera "La grande corsa/Wacky Races".



Commenti

Post più popolari